GIORNATA-POLITICA


Fai di AltroMolise la tua Home Page


Aggiungi Altromolise ai tuoi siti preferiti


Home » giornata-politica
Cerca in Altromolise nel Web con

 

  E' ufficiale: Gigino D'Angelo sarà il candidato degli autoconvocati
2011-03-28 23:17:39
 La decisione era nell'aria e da stasera è ufficiale: l'assessore provinciale Gigino D'Angelo, esponente del PD, sindaco di Montefalcone, è il candidato alla presidenza della Provincia per la coalizione formata dagli autoconvocati e dalla sinistra radicale. D'Angelo ha detto sì dopo aver consultato i suoi amici, quasi tutti esponenti ed iscritti al Partito Democratico. Una candidatura che dovrebbe essere vista di buon occhio anche dal presidente uscente Nicola D'Ascanio, che non sarà candidato ma che potrebbe piazzare tra i candidati molti suoi uomini, alcuni con buone chances di essere eletti.
 
E' dunque partita la macchina degli autoconvocati che ora hanno un paio di settimane per preparare le liste a sostegno di D'Angelo. Anche se in tarda serata ci sarebbe stata una presa di posizione dei Comunisti Italiani che non avrebbero gradito il nome dell'assessore provinciale minacciando di andare da soli candidando alla presidenza l'altro assessore provinciale, Nicola Occhionero. Tra gli autoconvocati si spera di ricucire lo strappo con il PDCI che rischia di rimanere isolato in questo quadro già difficile del centrosinistra. Se si riuscirà a riportare il sereno in questa minicoalizione, saranno almeno quattro le liste a sostegno di D'Angelo, ma si spera in una quinta lista. Di tre liste già si conosce il simbolo: "Partecipazione Democratica" di Giuseppe Astore, RIfondazione COmunista e Comunisti Italiani. Ci sarà poi una lista del candidato presidente, che intende puntare su alcuni amministratori locali e su esponenti del PD. La quinta lista dovrebbe essere caratterizzata a sinistra con dentro anche qualche esponente della società civile e del mondo dell'associazionismo. Comunque gli autoconvocati hanno lasciato la porta aperta all'Idv. Se Di Pietro dovesse decidere di ritirare la candidatura di Nagni e di proporne un'altra, sempre rappresentativa del suo partito ma condivisa anche dagli autoconvocati, si potrebbe fare l'accordo anche all'ultimo minuto. Nell'Idv, comunque, sono portati ad escludere una ipotesi del genere. Anche i dipietristi stanno lavorando alla formazione delle liste che dovrebbero essere tre: quella di partito, quella di Laboratorio Molise e quella del Guerriero Sannita. Ma non mancano le difficoltà soprattutto per i due movimenti civici a trovare candidati sul territorio. Nel campo del centrosinistra si va avanti secondo i programmi. Le liste dovrebbero essere almeno sei ma tra i collaboratori del sindaco di Riccia c'è chi, forse peccando un po' di ottimismo, punta addirittura a nove liste. Ci saranno quelle del PD, di SEL, dei Socialisti, di "Alternativ@", una del candidato presidente e quella di Costruire Democrazia. Anche se il movimento guidato da Massimo Romano nelle ultime ore avrebbe aperto al proprio interno una fase di riflessione. Qualcuno avrebbe chiesto al leader di Costruire Democrazia di fare ulteriori approfondimenti prima di schierare il movimento sulla posizione di sostegno alla Fanelli. Domani martedì ulteriore riunione degli autoconvocati per mettere a punto la fase organizzativa. A questo punto sembra dunque definitivamente chiarito il quadro nel centrosinistra: tre candidati alla presidenza con l'obiettivo ognuno di giocarsi le proprie chances per il ballottaggio. Nel caso di un eventuale secondo turno non è ben chiaro cosa accadrà. Ci sarà l'apparentamento? Oppure continueranno le divisioni? Nel centrodestra invece tutto procede secondo copione. Per il momento sono state individuate nove liste a sostegno di Rosario De Matteis e le caselle sono state quasi tutte riempite. Resta in piedi la possibilità, molto concreta, della decima lista, aspettando sempre le decisioni dei "Popolari per il Sud" di Niro e soprattutto di FLI. Che potrebbero rientrare all'ovile e sostenere De Matteis. In campo ci saranno i socialisti del Nuovo PSI con un proprio candidato, forse Oreste Campopiano, pronti però ad entrare in un eventuale terzo polo. L'onorevole Bocchino, a Campobasso per inaugurare la sede di FLI, avrebbe dato il via libera a questa soluzione: terzo polo con Campopiano candidato al vertice. Le decisioni nelle prossime ore. A correre da sola sarà "La Destra" di Storace che, oltre alla lista di partito, presenterà anche un'altra lista civica, entrambe a sostegno della candidata alla presidenza Isabella Beccia.

 

   
 

 

| Feed RSS | Pubblicità | Eikon comunicazione | Altra Comunicazione