PROGNOSI


Fai di AltroMolise la tua Home Page


Aggiungi Altromolise ai tuoi siti preferiti


Home » prognosi
Cerca in Altromolise nel Web con

 

  2012: più proposte, meno promesse
2012-01-03 21:25:13
 di STEFANO MANOCCHIO - Il tema dominante dell’anno appena trascorso è stato, anche in Molise, quello della crisi e del suo impatto sulla società locale; probabilmente anche nel 2012 la gente chiederà soluzioni a problemi ‘storici’, quali occupazione e sicurezza.
 
Così, mentre apprendiamo con soddisfazione la buona posizione in classifica di Campobasso nella statistica nazionale sulla vivibilità, aspettiamo di sapere cosa decideranno di fare gli amministratori comunali, non certo per combattere disoccupazione e delinquenza, visto che non ne avrebbero mezzi e risorse economiche adeguate, ma almeno per innalzare il livello del vivere civile, che in Molise non è eccellente, fatta salva la buona situazione dell’ordine pubblico. Stabilito, ad esempio, che i soldi del gelato a malapena racimolati a Palazzo San Giorgio non saranno spesi in cultura (seguendo l’infelice esempio delle affermazioni di un ministro non più in carica), non sembra entusiasmare (e ci mancherebbe anche!) la tesi del sindaco di Campobasso, che aspetta con ansia gli incassi che probabilmente arriveranno con l’Imu per migliorare la qualità della vita nel capoluogo di regione; quindi si auspica al super pedaggio che salasserà cittadini e famiglie per rimpinguare le casse comunali. Come dichiarazione d’intenti di inizio anno non c’è male! Non sarà sufficiente costruire nuovi alloggi popolari, della cui realizzazione pure va dato merito a questa amministrazione cittadina, per recuperare il livello sociale di una città capoluogo di regione. Nel frattempo ad Isernia il sindaco insiste nella difesa di un’opera pubblica, l’auditorium, sproporzionata non solo per il capoluogo di provincia, ma per l’intero Molise, che non saprebbe come riempirla per più di un paio di manifestazioni l’anno; nell’immaginario collettivo quella costruzione è il ‘simbolo’ a livello nazionale della cricca e poco altro, per cui sarebbe bene non vantarne pubblicamente l’utilizzo. In definitiva l’azione di molti amministratori, primi cittadini in testa, da tutto sembra essere caratterizzata tranne che dalla progettazione e programmazione di politiche tese al miglioramento della qualità della vita, venendo meno così il principale obiettivo per cui sindaco, consiglieri ed assessori sono stati votati. Qualche proposta in più, possibilmente seria, forse non farebbe male alla politica molisana; ed anche alla popolazione amministrata.

 

   
 

 

| Feed RSS | Pubblicità | Eikon comunicazione | Altra Comunicazione