Basket Venafro, un successo l’esperienza in Repubblica Ceca

A volte si deve uscire dalla propria zona di comfort per provare nuove esperienze e per crescere. È esattamente quello che ha fatto il Basket Venafro, che ha deciso di dare il via ad un progetto europeo particolarmente interessante che ha portato la squadra a viaggiare al di fuori dei confini non solo regionali, ma anche nazionali, volando in Repubblica Ceca.

La pallacanestro, per fortuna, riesce spesso e volentieri a garantire delle occasioni uniche per fare esperienza anche al di fuori dell’ambito cestistico. È vero che, finalmente, la pallacanestro sta riuscendo a raggiungere livelli di diffusione tra il pubblico molto alto, anche se manca ancora un po’ prima di raggiungere il calcio, lo sport senz’altro più amato in Italia. Ebbene, dal punto di vista delle scommesse sportive, in realtà, questa parificazione è già avvenuta, dal momento che tutte le piattaforme di gambling online, oltre ad offrire altri giochi come il blackjack, propongono un palinsesto di quote davvero interessante per quanto concerne la pallacanestro.

Basket Venafro e un’esperienza da ricordare

Per la Basket Venafro si è trattato di portare un po’ delle proprie radici in uno Stato totalmente differente rispetto all’Italia, dal momento che l’esperienza in questione ha portato la squadra in Repubblica Ceca. Tutto merito del progetto europeo denominato “Erasmus + Sport – Network for Basketball Clubs”, di cui il principale gestore è Piero Atella.

L’obiettivo primario di questo progetto è quello di creare nuove opportunità per uno scambio di esperienza tra varie società europee, che non riguarda esclusivamente i giocatori, ma anche gli allenatori e i dirigenti. La prima tappa del progetto è stata fissata proprio in Repubblica Ceca e il bilancio, fino a questo momento, è più che positivo.

In Repubblica Ceca è stato organizzato un torneo che prevede la partecipazione di ben cinque squadre: oltre a Basket Venafro, erano presenti anche due compagini di Lubiana e due di Pardubice. In realtà, a rendere indimenticabile l’esperienza, non sono state solamente le sfide sul parquet, dal momento che i quattro giorni a Pardubice hanno avuto come tematiche principali la condivisione e lo scambio.

Sia lo staff tecnico che quello dirigenziale hanno partecipato ad iniziative collaterali molto interessanti, che sono state molto importanti per ampliare il proprio bagaglio di conoscenze e di prospettive. Tra i vari eventi troviamo un workshop che ha avuto come tematica principale la motivazione degli atleti, poi c’è stata la presentazione della compagine di Pardubice, la cui prima squadra prende parte alla massima serie ceca. Non è finita qui, dal momento che c’è stato anche un ottimo e proficuo clinic dei coach, a cui ha partecipato anche Francesco Valente. Un altro momento di condivisione davvero di primo livello, soprattutto a livello di organizzazione e di gruppo.

Le varie sfide all’interno del torneo in Repubblica Ceca

Al torneo ha partecipato un Basket Venafro costituita dal gruppo di giocatori nati nel 2000-2001-2002, a cui sono stati aggiunti due atleti provenienti dall’Accademia Isernia, ovvero Vanacore e Cicchetti, oltre all’inserimento anche di Riccardo Mariani. La prima gara è stata particolarmente combattuta, dal momento che ha visto il Basket Venafro sfidare il Pardubice A, ovvero quello che partecipa al massimo campionato ceco.

Ebbene, il bilancio può definirsi tutto sommato molto positivo, nonostante la sconfitta, che è arrivata però solamente nel finale e con un distacco estremamente risicato, 69-67. Ancora meglio è andata contro le due compagini slovene, che sono state battute in modo perentorio e con un ampio scarto a favore della squadra molisana. Nella finalina è stato il Basket Venafro a vincere portandosi a casa un bel trofeo, oltre che un bagaglio di esperienze di vita non indifferente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *